NELLA GIUSTA DIREZIONE

NELLA GIUSTA DIREZIONE

  Questa volta voglio raccontarvi qualcosa di personale. Meno di un anno fa, quando il mio professore di copy mi ha chiesto di scrivere di me stessa mi son sentita davvero a disagio. Non sapevo nemmeno da che parte iniziare. … Continue reading

DEDICATO A NOI RAGAZZE – ISTRUZIONI PER SOPRAVVIVERE A UN PETER PAN

DEDICATO A NOI RAGAZZE – ISTRUZIONI PER SOPRAVVIVERE A UN PETER PAN

Finalmente è arrivata l’estate e con l’estate, è garantito, i Peter Pan invadono spiagge, piscine e tutti i luoghi dove è possibile divertirsi. Innanzitutto che cosa è un Peter Pan: un Peter Pan è un esemplare maschile che sembra uscito … Continue reading

STRANI DIVIETI ESTIVI

Se pensate che i divieti e gli obblighi siano cose noiose e tristi leggete un po’ qua sotto.

Sono tutte ordinanze vere emesse da Comuni italiani:

(Le ordinanze sono atti che creano obblighi o divieti e in sostanza impongono ordini)

Immagine

Il messaggio dei fiori.

Il linguaggio dei fiori è molto diffuso e nell’Ottocento era spesso il modo preferito per esprimere sensazioni impossibili da pronunciare. Oggi quel romanticismo è in parte perduto. E quattro anni fa a Termoli, in provincia di Campobasso, il sindaco ha pensato bene di far rimuovere, con un’ordinanza comunale, tutti i vasi e le fioriere che occupano indebitamente il suolo pubblico. Insomma per rendere più verde e gradevole agli occhi la propria città, bisogna anche pagare.

 Immagine

Cane grosso, padrone grosso.

Una famosa pubblicità metteva in relazione la grandezza di una parete e quella del pennello necessario per dipingerla. A Rota Imagna, in provincia di Bergamo, cambiano i protagonisti, ma non l’importanza delle proporzioni. Così dal 1° giugno con un’ordinanza comunale “è vietata la circolazione di cani senza la presenza di un conduttore di corporatura proporzionata”. Previste multe dai 25 ai 150 euro. Fatevi due conti e, magari, scegliete un barboncino.

 Immagine

In centro solo su due ruote.

Volete andare in centro a Siena, in Zona a traffico limitato, con il vostro scooter? Se ha una cilindrata 50, potete accomodarvi. Prima, però, controllate bene che il vostro veicolo non abbia più di 2 ruote. In caso contrario rischiate una sanzione. Ed è esattamente quello che sta succedendo a molti esercenti del centro. I loro mezzi a 3 e 4 ruote, utilizzati per trasportare le merci, sono ormai off-limits. Quando si dice che il commercio è in crisi.

 

Immagine

Il gelato di Cenerentola.

C’è chi ha parlato di “coprifuoco del gelato”. Espressione forse esagerata, ma certamente vietare, nelle strade della movida milanese, la consumazione del rinfrescante alimento dopo la mezzanotte, non è andata giù a nessuno. Così i cittadini hanno protestato con la manifestazione “Occupy gelato”. Il sindaco meneghino, Giuliano Pisapia, ci ha subito ripensato e ha parlato di “un errore di scrittura in una delibera”. Per ora il gelato è salvo.

 Immagine

Il tabù della minigonna.

Ancora oggi la minigonna può creare scandalo. A Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli, infatti, nel 2010 una norma del nuovo regolamento di polizia urbana aveva messo al bando il famoso indumento femminile. E anche le scollature generose e i jeans a vita bassa. Con tanto di multe fino a 500 euro. Se il plauso da parte del parroco della cittadina termale è stato immediato, l’allora sindaco, Luigi Bobbio, ha dovuto precisare che voleva solo “ripristinare il decoro urbano per favorire una migliore convivenza civile”.

Immagine

Il Dna delle feci canine.

Sarà capitato anche a voi di provare disgusto di fronte alle feci dei cani lasciate in bella vista per strada. In molte città palette, guanti e sacchetti non sembrano aver risolto il problema. Così l’anno scorso il sindaco di Capri , Ciro Lembo, ha pensato di contrastare il maleodorante fenomeno in modo radicale. Acquisire il Dna degli animali che fanno parte della anagrafe canina e far analizzare i campioni delle feci abbandonati in strada per risalire ai proprietari. Basterà per renderli più educati?

Immagine

 Stop al ‘bikini’ islamico.

I diritti degli immigrati sono uno degli argomenti di maggiore attualità. Di strada da fare, però, ce n’è ancora. Soprattutto quella che porta a rinfrescarsi con un bel bagno. Era il 2009, infatti, quando il sindaco leghista di Varallo Sesia, in provincia di Vercelli, vietò di indossare in piscine, fiumi e torrenti, il ‘burkini’, il costume intero islamico con copricapo. Si vede che non ha apprezzato l’origine della parola, frutto dell’unione dei termini burqa e bikini.

Immagine

Attenti a come vi muovete.

Volete godervi un bel giro in centro a Pordenone, tra palazzi porticati gotici e rinascimentali pieni di storia e stile? Fate pure, ma non esagerate negli atteggiamenti. Soprattutto se siete in compagnia. Rischiate una multa fino a 500 euro. Un’ordinanza comunale del 2009, infatti, vieta gli assembramenti di persone nelle vie principali “che assumono atteggiamenti o fanno cose che non consentono la fruizione degli spazi pubblici da parte di altri cittadini”.

UNA NOTTE DA LEONI 3

 

Qualche sera fa sono andata con degli amici al cinema a vedere Una Notte Da Leoni 3.. Pensavo che il terzo film di questa saga fosse monotono dopo i primi 2. Invece mi ha sorpreso ed è stato davvero carino! Non cercateci una logica perché non esiste..
I protagonisti sono sempre loro: Doug, Phil, Stu e Alan.
Erano partiti da Las Vegas nel primo film, li avevamo lasciati in Thailandia ancora più fuori di testa e ora nel terzo episodio li ritroviamo in un devastante viaggio tra Tijuana e Las Vegas.
Questa volta non ci sono addii al celibato o matrimoni da affrontare e il viaggio non è scandito dalla disperata ricerca di ricostruire le follie che li hanno condotti all’amnesia.
Il tutto ha inizio con Alan, ormai non più giovane psico-ritardato geniale, che dopo la morte del padre si ritrova sempre più solo e instabile. I tre amici Doug, Phil e Stu consapevoli che Alan ha bisogno di aiuto, lo convincono ad entrare in una comunità che cura i disturbi psichici in Arizona ed intraprendono il viaggio per accompagnarcelo.
Il loro viaggio viene interrotto da un pericoloso boss criminale, Marshall, il quale si è visto scippare una sostanziosa somma in lingotti d’oro da Mr. Chow, il tailandese piccoletto e pestifero incontrato nel primo episodio della saga.
Alan nel tempo è rimasto in contatto con Mr. Chow e quindi Mashall decide di servirsi di lui e dei suoi amici per catturalo e costringerlo a restituire il bottino. Per far questo prende in ostaggio Doug promettendo di ucciderlo se non gli verrà restituito il bottino.
L’avventura finirà dove tutto è iniziato: a Las Vegas.
Il resto è inutile raccontarlo, sia per non rovinare la visione, sia perché le avventure si susseguono senza sosta, né senso, per tutto il film.
I protagonisti in realtà sono solo Alan e Stu: gli altri sono solo comprimari che offrono il fianco alle loro follie e offrono spunti per la battuta di turno.

Di certo non è un film di contenuto, la produzione è però buona, inoltre la fotografia è notevole e la colonna sonora è decisamente grande, con classici del passato e del presente.
Insomma se volete passare una serata divertendovi senza pensare a niente ve lo consiglio.

QUESTIONE DI STILE

QUESTIONE DI STILE

Uno pensa che con il passare del tempo, anche le idee, i comportamenti, dovrebbero progredire. Macché, si torna indietro. Al primo rapporto sessuale, età media 15-16 anni, solo la metà dei ragazzi utilizza il preservativo. Gli altri preferiscono altri metodi … Continue reading