STRANI DIVIETI ESTIVI

Se pensate che i divieti e gli obblighi siano cose noiose e tristi leggete un po’ qua sotto.

Sono tutte ordinanze vere emesse da Comuni italiani:

(Le ordinanze sono atti che creano obblighi o divieti e in sostanza impongono ordini)

Immagine

Il messaggio dei fiori.

Il linguaggio dei fiori è molto diffuso e nell’Ottocento era spesso il modo preferito per esprimere sensazioni impossibili da pronunciare. Oggi quel romanticismo è in parte perduto. E quattro anni fa a Termoli, in provincia di Campobasso, il sindaco ha pensato bene di far rimuovere, con un’ordinanza comunale, tutti i vasi e le fioriere che occupano indebitamente il suolo pubblico. Insomma per rendere più verde e gradevole agli occhi la propria città, bisogna anche pagare.

 Immagine

Cane grosso, padrone grosso.

Una famosa pubblicità metteva in relazione la grandezza di una parete e quella del pennello necessario per dipingerla. A Rota Imagna, in provincia di Bergamo, cambiano i protagonisti, ma non l’importanza delle proporzioni. Così dal 1° giugno con un’ordinanza comunale “è vietata la circolazione di cani senza la presenza di un conduttore di corporatura proporzionata”. Previste multe dai 25 ai 150 euro. Fatevi due conti e, magari, scegliete un barboncino.

 Immagine

In centro solo su due ruote.

Volete andare in centro a Siena, in Zona a traffico limitato, con il vostro scooter? Se ha una cilindrata 50, potete accomodarvi. Prima, però, controllate bene che il vostro veicolo non abbia più di 2 ruote. In caso contrario rischiate una sanzione. Ed è esattamente quello che sta succedendo a molti esercenti del centro. I loro mezzi a 3 e 4 ruote, utilizzati per trasportare le merci, sono ormai off-limits. Quando si dice che il commercio è in crisi.

 

Immagine

Il gelato di Cenerentola.

C’è chi ha parlato di “coprifuoco del gelato”. Espressione forse esagerata, ma certamente vietare, nelle strade della movida milanese, la consumazione del rinfrescante alimento dopo la mezzanotte, non è andata giù a nessuno. Così i cittadini hanno protestato con la manifestazione “Occupy gelato”. Il sindaco meneghino, Giuliano Pisapia, ci ha subito ripensato e ha parlato di “un errore di scrittura in una delibera”. Per ora il gelato è salvo.

 Immagine

Il tabù della minigonna.

Ancora oggi la minigonna può creare scandalo. A Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli, infatti, nel 2010 una norma del nuovo regolamento di polizia urbana aveva messo al bando il famoso indumento femminile. E anche le scollature generose e i jeans a vita bassa. Con tanto di multe fino a 500 euro. Se il plauso da parte del parroco della cittadina termale è stato immediato, l’allora sindaco, Luigi Bobbio, ha dovuto precisare che voleva solo “ripristinare il decoro urbano per favorire una migliore convivenza civile”.

Immagine

Il Dna delle feci canine.

Sarà capitato anche a voi di provare disgusto di fronte alle feci dei cani lasciate in bella vista per strada. In molte città palette, guanti e sacchetti non sembrano aver risolto il problema. Così l’anno scorso il sindaco di Capri , Ciro Lembo, ha pensato di contrastare il maleodorante fenomeno in modo radicale. Acquisire il Dna degli animali che fanno parte della anagrafe canina e far analizzare i campioni delle feci abbandonati in strada per risalire ai proprietari. Basterà per renderli più educati?

Immagine

 Stop al ‘bikini’ islamico.

I diritti degli immigrati sono uno degli argomenti di maggiore attualità. Di strada da fare, però, ce n’è ancora. Soprattutto quella che porta a rinfrescarsi con un bel bagno. Era il 2009, infatti, quando il sindaco leghista di Varallo Sesia, in provincia di Vercelli, vietò di indossare in piscine, fiumi e torrenti, il ‘burkini’, il costume intero islamico con copricapo. Si vede che non ha apprezzato l’origine della parola, frutto dell’unione dei termini burqa e bikini.

Immagine

Attenti a come vi muovete.

Volete godervi un bel giro in centro a Pordenone, tra palazzi porticati gotici e rinascimentali pieni di storia e stile? Fate pure, ma non esagerate negli atteggiamenti. Soprattutto se siete in compagnia. Rischiate una multa fino a 500 euro. Un’ordinanza comunale del 2009, infatti, vieta gli assembramenti di persone nelle vie principali “che assumono atteggiamenti o fanno cose che non consentono la fruizione degli spazi pubblici da parte di altri cittadini”.

QUESTIONE DI STILE

QUESTIONE DI STILE

Uno pensa che con il passare del tempo, anche le idee, i comportamenti, dovrebbero progredire. Macché, si torna indietro. Al primo rapporto sessuale, età media 15-16 anni, solo la metà dei ragazzi utilizza il preservativo. Gli altri preferiscono altri metodi … Continue reading

IL DIRITTO DI ESSERE

IL DIRITTO DI ESSERE

Pochi giorni fa ho pubblicato un post contro la violenza sulle donne. Purtroppo non è passato giorno senza notizie di stupri, violenze ed uccisioni. Ieri la Camera ha approvato all’unanimità la ratifica della Convenzione di Istanbul, il trattato del Consiglio … Continue reading

ATTENTI AL “GALLO”

ATTENTI AL “GALLO”

Si sono svolti ieri, a Genova, i funerali di Don Andrea Gallo, il “prete di strada”. E’ morto mercoledì, 22 maggio 2013, a 84 anni. Don Gallo era un prete che, spinto dalla fede, dal carattere, dal coraggio, si è … Continue reading