UNA NOTTE DA LEONI 3

 

Qualche sera fa sono andata con degli amici al cinema a vedere Una Notte Da Leoni 3.. Pensavo che il terzo film di questa saga fosse monotono dopo i primi 2. Invece mi ha sorpreso ed è stato davvero carino! Non cercateci una logica perché non esiste..
I protagonisti sono sempre loro: Doug, Phil, Stu e Alan.
Erano partiti da Las Vegas nel primo film, li avevamo lasciati in Thailandia ancora più fuori di testa e ora nel terzo episodio li ritroviamo in un devastante viaggio tra Tijuana e Las Vegas.
Questa volta non ci sono addii al celibato o matrimoni da affrontare e il viaggio non è scandito dalla disperata ricerca di ricostruire le follie che li hanno condotti all’amnesia.
Il tutto ha inizio con Alan, ormai non più giovane psico-ritardato geniale, che dopo la morte del padre si ritrova sempre più solo e instabile. I tre amici Doug, Phil e Stu consapevoli che Alan ha bisogno di aiuto, lo convincono ad entrare in una comunità che cura i disturbi psichici in Arizona ed intraprendono il viaggio per accompagnarcelo.
Il loro viaggio viene interrotto da un pericoloso boss criminale, Marshall, il quale si è visto scippare una sostanziosa somma in lingotti d’oro da Mr. Chow, il tailandese piccoletto e pestifero incontrato nel primo episodio della saga.
Alan nel tempo è rimasto in contatto con Mr. Chow e quindi Mashall decide di servirsi di lui e dei suoi amici per catturalo e costringerlo a restituire il bottino. Per far questo prende in ostaggio Doug promettendo di ucciderlo se non gli verrà restituito il bottino.
L’avventura finirà dove tutto è iniziato: a Las Vegas.
Il resto è inutile raccontarlo, sia per non rovinare la visione, sia perché le avventure si susseguono senza sosta, né senso, per tutto il film.
I protagonisti in realtà sono solo Alan e Stu: gli altri sono solo comprimari che offrono il fianco alle loro follie e offrono spunti per la battuta di turno.

Di certo non è un film di contenuto, la produzione è però buona, inoltre la fotografia è notevole e la colonna sonora è decisamente grande, con classici del passato e del presente.
Insomma se volete passare una serata divertendovi senza pensare a niente ve lo consiglio.

QUESTIONE DI STILE

QUESTIONE DI STILE

Uno pensa che con il passare del tempo, anche le idee, i comportamenti, dovrebbero progredire. Macché, si torna indietro. Al primo rapporto sessuale, età media 15-16 anni, solo la metà dei ragazzi utilizza il preservativo. Gli altri preferiscono altri metodi … Continue reading