ATTENTI AL “GALLO”

ATTENTI AL “GALLO”

Si sono svolti ieri, a Genova, i funerali di Don Andrea Gallo, il “prete di strada”.
E’ morto mercoledì, 22 maggio 2013, a 84 anni.
Don Gallo era un prete che, spinto dalla fede, dal carattere, dal coraggio, si è sempre occupato degli ultimi.
Predicava nelle carceri, negli istituti penali minorili, si occupava dei tossicodipendenti, degli alcolisti, degli immigrati, dei malati psichici.
Era un prete scomodo perché ha vissuto il suo essere prete ed essere cristiano in modo del tutto personale, sicuramente fuori da tutti gli schemi imposti dalla chiesa.
La predicazione di Andrea preoccupava la chiesa e irritava una parte dei fedeli perché, si diceva, i suoi contenuti «non erano religiosi, ma politici, non cristiani, ma comunisti». Un’aggravante, per la Curia è che Andrea non si limitasse a predicare dal pulpito, ma pretendesse di praticare ciò che diceva e invitasse i fedeli a fare altrettanto: la parrocchia diventava un punto di aggregazione di giovani e adulti, di ogni parte della città, in cerca di amicizia e solidarietà per i più poveri, per gli emarginati che trovavano un fondamentale punto di ascolto.
Per il suo essere anticonformista e per la sua chiara collocazione politica, è stato più volte ostacolato. Nel 1970 la chiesa tenta di allontanarlo dalla parrocchia.
Un provvedimento che porterà la gente a scendere in piazza per il prete “comunista”

“A chi incontro per strada non chiedo se è di destra o di sinistra, se è gay o eterosessuale, se ha studiato o no. A qualcuno potrò magari insegnare l’italiano, loro mi insegnano la vita».

Nel suo lavoro Don Gallo ha coinvolto tanti amici: De Andrè, Paoli, Lauzi, Piero Pelù, alcuni artisti nati a Genova e lanciati sui palcoscenici internazionali.
Scrittore, teologo, cantante (ha preso parte all’ultimo disco dei Cisco, ex Modena City Ramblers), sostenitore dei diritti degli omosessuali e dei transgender, promotore della liceità delle droghe leggere (nel 2006 fumò uno spinello in Comune a Genova).
Don Andrea era decisamente un personaggio scomodo. Ma è di persone come lui che abbiamo bisogno!

Il mio pensiero felice?: sicuramente, ovunque sia ora, continuerà a lottare per portare avanti le sue idee, a costo di litigare con Dio.

Advertisements

One thought on “ATTENTI AL “GALLO”

  1. Credo che tutti noi dovremmo trarre degli insegnamenti dalla vita di Don Andrea Gallo e soprattutto i giovani e magari, ognuno a proprio modo, camminare lungo questa strada.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s